Otto libri in viaggio

Quest’anno l’estate è arrivata all’improvviso e così arriva anche l’appuntamento del Social Blog con le letture consigliate. In aereo, in treno, sotto l’ombrellone o in pausa pranzo: sono libri che riempiono con piacere delle ore libere e che raccontano storie davvero particolari.

The Game di Alessandro Baricco

L’unico libro della lista che non è un romanzo, ma un’intrigante narrazione sulla storia del web. Partendo dalla musicassetta, passando per Napster, Steve Jobs e Facebook, le pagine di The Game ripercorrono tutte le tappe dell’era digitale. Baricco, inoltre, propone degli spunti di riflessione molto stimolanti e davvero originali, per cercare di capire dove stiamo andando.

Da leggere perché parla di noi. E per esclamare: “Ma quante cose sono successe in questi anni!”

I provinciali Jonathan Dee

Un decennio di storia americana raccontato attraverso le vite dei cittadini di una località turistica del Massachussets. E non un decennio qualsiasi: tutto inizia l’11 settembre 2001. Attraverso le vicende dei protagonisti, Dee racconta cosa passa per la testa di un popolo che deve ricostruirsi dopo l’attacco, del suo bisogno di sicurezza e fiducia.

Da leggere perché Dee riesce ad entrare nelle vite e nei pensieri dei protagonisti con schiettezza, offrendo uno spaccato realistico e pungente della comunità.

Tutta la verità su Ruth Malone di Emma Flint

E’ il 1965 e Ruth Malone è una donna fuori dagli stereotipi della madre di famiglia. Divorziata, sigaretta sempre tra le labbra rosso fuoco, ama vestirsi alla moda e non si fa problemi a frequentare uomini liberamente. Quando una mattina non trova più i suoi bambini in casa, il suo stile di vita viene sezionato sotto ogni aspetto e diventa il cappio che le si stringe intorno al collo.

Da leggere perché si parla tanto di stereotipi e di femminismo, ma questo romanzo, in alcune pagine, mette i brividi per la sua attualità.

La paziente silenziosa di Alex Michaelides

Alice è un’artista. Una notte, viene trovata in casa accanto al cadavere di suo marito. Alice, da quel momento, non parla più. Theo è uno psicoterapeuta che si appassiona così tanto alla vicenda di cronaca, che decide di seguirla professionalmente con la speranza di farla tornare a comunicare.

Da leggere perché è davvero un buon thriller, molto coinvolgente, con interessanti risvolti psicologici.

Quello che non ti ho mai detto di Celeste Ng

La storia di una famiglia cino-americana, raccontata dal punto di vista di ogni membro: i genitori e i figli. La vicenda prende spunto dalla morte di una delle figlie, ma è un pretesto per raccontare i loro desideri e i tentativi di integrazione nella comunità.

Da leggere perché è un romanzo molto dolce e accorato, in cui i vari protagonisti intrecciano i loro punti di vista e le loro esperienze su un tema di base, l’integrazione sociale.

Eleonor Oliphant sta benissimo di Gail Honeyman

Eleonor non ha amici. Quando il venerdì esce da lavoro, può passare anche un weekend in assoluto silenzio, senza nessuno con cui parlare. E’ goffa, impacciata e sola, ma dimostra una forza d’animo senza eguali. E quando decide di uscire dalla sua zona di comfort, Eleonor lo fa in un modo tutto suo!

Da leggere perché è un romanzo bellissimo e ricco di positività. Nonostante tutto, Eleonor è una di quelle persone che vorresti avere la fortuna di conoscere. E magari ce l’hai accanto, ma non lo sai.

La Settimana Bianca di Emmanuel Carrère

Non ringrazierò mai abbastanza un mio carissimo amico per avermi fatto conoscere Carrère e questo racconto. Nicolas è un bambino che va, per la prima volta, in gita sulla neve con i suoi compagni di classe. Tra timori e presentimenti, questa settimana bianca in qualche modo lo segnerà per tutta la vita, aprendogli gli occhi sul mondo degli adulti.

Da leggere perché è davvero interessante il modo in cui lo scrittore entra nella mente e nel cuore di Nicolas, lasciando che i suoi pensieri arrivino al lettore senza filtri. Di Carrère consiglio anche L’Avversario, che è tratto dalla storia vera di Jean-Claude Romand, un falso medico che per anni riuscì a nascondere a tutti, famiglia compresa, la sua vera identità.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi trovare altri titoli qui:

Sette libri (+1) da leggere nel 2018

I romanzi per fare il giro del mondo

In vacanza porta un libro, anzi tre!

Buona lettura! 😉

Faccio cose, vedo gente

Una delle cose su cui si batte sempre, in termini di comunicazione, è la specializzazione in una nicchia. Anche io ne parlo spesso, come in questo articolo dedicato alle case vacanza. Dato che, negli ultimi tempi, pare che tutti sappiano fare il loro mestiere e anche il tuo – come i famosi “cugggini” fotografi, Social Media Manager e grafici – bisogna in qualche modo specializzarsi, distinguersi e qualificarsi.

La specializzazione ti fa riconoscere come un professionista

Ecco quindi che il fotografo si perfeziona in foto di interni e il grafico si indirizza sui contenuti per il web, per esempio. Più ti specializzi, più entri nel settore. E, col tempo, hai la possibilità di essere riconosciuto come il professionista di quel campo.

Questo è il consiglio che cerco di dare sempre quando in aula, soprattutto all’inizio di un corso di Comunicazione, ho tante belle teste davanti che non hanno ancora capito dove le porterà il loro talento. Ok, scegliete un settore e imparate più che potete di quel campo.

Allontanati dalle idee che funzionano

Allo stesso tempo, quando sei nello stesso settore da troppo tempo, è come se ti venissero a mancare un po’ le idee. Insomma, è come vivere in una stanza con le finestre sempre chiuse. Sai tutto di quella stanza, potresti muovertici al buio, però se non ficchi mai il naso fuori da lì, alla lunga, puoi perdere stimoli e idee.

Nella mia esperienza, la creatività si autoalimenta fino a un certo punto. Personalmente, quando lavoro ad un progetto da troppo tempo, comincio a sentire nel cervello un po’ di noia, come l’aria stantia nella stanza: in quella fase, mi sembra di aver prosciugato il pozzo delle idee.

Quando questo pensiero inizia a farsi strada, ecco, quello è il momento di spalancare le finestre e uscire. Uscire proprio dal progetto, dalle mappe e dai percorsi tracciati all’inizio, dalle idee che ormai funzionano e da ciò che sai fare anche ad occhi chiusi.

Il momento “faccio cose, vedo gente”

Significa iniziare a provare a fare qualcosa di nuovo prendendotene anche il rischio.

Da una parte, puoi fare anche qualcosa che non c’entra davvero nulla (o poco) col lavoro, come un viaggio, un corso, un’esperienza. Da un’altra parte, puoi cogliere l’occasione di imparare, rischiare, provare, mettere in cantiere nuove competenze. Magari proprio quella tecnica che hai studiato, ma non hai mai messo in pratica.

Ma, soprattutto, parla con la gente.

Approfitta di questo momento per conoscere direttamente il target della tua comunicazione.

In fondo, la comunicazione è proprio trovare il modo giusto per parlare alle persone: ad ognuno il suo mezzo, il suo tono, il suo stile, le sue parole. Ed è conoscendo nuove persone ed entrando in empatia con loro, con le loro vite, i loro gusti e le loro esperienze che capisci meglio come e cosa comunicare.

E così, quando torni nella stanza, il progetto ti sembra completamente nuovo. Riscrivi le mappe, traccia nuovi sentieri e comincia con l’entusiasmo di un nuovo inizio.

Se ti è piaciuto questo articolo, ti piaceranno anche:

Uscire dalle quattro mura per vedere come vanno le cose fuori

Coltivare l’intelligenza emotiva in piccoli passi

Siamo a caccia di esperienze

Quando guardi le cose da una prospettiva diversa

L’Hotel Stanley, sulle Montagne Rocciose, ispirò l’idea dell’Overlook Hotel di Shining. Dopo il successo del film di Kubrick, iniziarono a girare storie sul fatto che lo Stanley fosse infestato dagli spettri. La cosa fece così clamore che, addirittura, arrivarono le troupe televisive e gli scienziati.

La ricerca di fantasmi si concluse con un nulla di fatto, ma era ben chiaro che la vocazione dell’hotel dovesse cambiare prospettiva.

Le persone non andavano più allo Stanley per una villeggiatura estiva: andavano lì per cercare un’esperienza da raccontare. Ecco quindi nascere delle “vacanze alternative”, con la possibilità di fare tour notturni in hotel alla ricerca di fantasmi e fenomeni paranormali. Lo Stanley è diventato meta di pellegrinaggio per i fan di Kubrick e King così che, nel 2015, hanno realizzato anche il famoso labirinto!

Cambiare versione della storia

La storia dell’hotel mi ha fatto riflettere su come sia possibile raccontare una storia in tanti modi diversi. E’ questa la magia dello storytelling: e se la versione del lupo fosse più interessante di quella di Cappuccetto Rosso?

Mettendo in luce elementi diversi, puoi evidenziare altre prospettive, parlare a nuove persone e raggiungere un pubblico diverso.

Cambiare prospettiva non significa cambiare tutto: l’Hotel Stanley, che stiamo prendendo ad esempio, è rimasto comunque fedele alla sua vocazione di dimora storica. Anzi, tutto questo amplifica ancora di più la sua immagine. I servizi e i prezzi non sono scesi di livello. Piuttosto, è la ciliegina sulla torta che avvicina anche chi cerca quel tipo di esperienza.

Ecco: comunicare significa anche ribaltare le cose e capire come puoi raccontarle in modo diverso. Cercare chi, quelle storie, vuole sentirle. E trovare il modo giusto per catturare la sua attenzione.




Tre idee di Pasqua per ringraziare i clienti

Pasqua, mentre ti giri è arrivata!

Tra meno di un mese saremo alle prese con uova di cioccolata e pulcini di peluche in ogni dove. La Pasqua piace a tutti perché è legata alle atmosfere di primavera e alla voglia di stare all’aria aperta.

Pasqua mette allegria e ha il vantaggio di non essere impegnativa come il Natale.

Perché organizzare qualcosa di speciale per i tuoi clienti? Proprio per invitarli a uscire e a scambiare due chiacchiere, ora che le giornate sono più lunghe.

E poi, è bello ringraziare i tuoi clienti storici, dai, se lo meritano!

Un’apertura straordinaria

Un invito ad un piccolo evento esclusivo, come un aperitivo di primavera, è proprio quello che puoi offrire ai tuoi clienti più affezionati. Puoi invitarli ad un’apertura straordinaria, magari domenicale, per vedere in anteprima le nuove collezioni e stuzzicare qualcosa insieme.

Un suggerimento che posso darti è quello di rendere l’evento davvero esclusivo: non invitare una folla tipo mercatino dell’usato. Se i tuoi clienti più fedeli sono tanti, organizza più aperitivi in diversi giorni! 😉

E se regalassi un’esperienza?

Ok, di gadget siamo pieni. Ne abbiamo tanti, di ogni dimensione, colore e utilizzo. Certe volte sono come le bomboniere: i portachiavi e i calendari ci riempiono il cassetto.

E allora perché non organizzare qualcosa di veramente originale e memorabile? Approfitta del bel tempo per organizzare una bella esperienza da fare insieme, come una passeggiata di gruppo in bicicletta o una visita guidata in qualche luogo storico della tua città.

Estendi l’invito per far sì che ogni cliente venga accompagnato da un amico. Sarà l’occasione per te di conoscere (e farti conoscere) da persone nuove!

Come il gadget, che ha lo scopo di farti ricordare, così un’esperienza all’aria aperta è un modo per essere ricordati (e per far parlare di te!)

Il consiglio che posso darti è quello di comunicare in modo chiaro ai partecipanti come taggare le immagini dell’esperienza sui social!

Sconta e raddoppia!

Una delle strategie più interessanti che puoi mettere in campo è quella di coinvolgere i tuoi clienti nella creazione di contenuti originali sui social.

La vera pubblicità è quella che fanno le persone spontaneamente quando pubblicano un post con il tuo tag o quando parlano agli amici della tua attività.

Ok, l’evento non fa per te, vuoi rimanere sul classico. E allora fai stampare dei simpatici buoni sconto da spendere nel tuo negozio. Invita i tuoi clienti a postare sui loro account social un contenuto originale sui tuoi prodotti con un hashtag dedicato: se lo faranno, il buono sconto raddoppierà!

Colori e personalità: quali sono quelli giusti?

Lo sai che i colori influenzano la percezione di un prodotto? La scelta di un colore per un logo o per un’attività di comunicazione non è mai casuale, ma dettata da scelte che si basano sulla percezione e sulle sensazioni.

Inoltre, ogni colore esprime una propria personalità: ecco perché è importante sceglierli non solo in base al gusto personale, ma anche basandoti sul loro significato, sulle emozioni e sensazioni che suscitano.

Rosso, se vuoi stimolare l’impulsività

Il rosso è il colore del fuoco, della passione e della seduzione. Allo stesso tempo, il rosso viene associato ad una sensazione di allarme e di pericolo. Esprime forza, decisione ed emozioni forti.

Il rosso è un colore molto utilizzato nel settore del cibo: esprime immediatezza e impulso al consumo. Non a caso Red Bull, Lays o Burger King utilizzano il rosso nel logo e nella comunicazione.

Giallo, perfetto per ispirare il senso di novità

Il giallo è il colore del sole ed esprime energia e vitalità. E’ il colore perfetto per ispirare creatività ed allegria. Mentalmente, lo associamo a qualcosa di nuovo, di giovane o di particolarmente geniale.

Non sarà un caso se il giallo è proprio il colore predominante dei loghi di Ikea e Nikon!

Blu, il colore della fiducia

Il colore blu, considerato nelle sue diverse tonalità e declinazioni, è il colore più amato in assoluto.

Il blu, fin dall’antichità, è sempre stato considerato un colore preziosissimo. Difficile da creare e da reperire, in passato era davvero costoso: ecco perché gli artisti centellinavano la quantità di blu per destinarla quasi esclusivamente ad elementi dalla forte sacralità.

Non è un caso che il Principe sia proprio Azzurro: la scelta di identificarlo con il colore, in questo caso, sottolinea la rarità e il prestigio del personaggio!

Nella comunicazione, il colore blu viene associato a fiducia, affidabilità e benessere. Ecco perché il blu è il colore istituzionale per eccellenza e lo ritroviamo nei loghi di Samsung, Zurich e Unilever.

Rosa per esprimere femminilità e ottimismo

Il colore rosa viene da sempre associato alla femminilità e rappresenta l’empatia e la sensibilità.

Pantone ha decretato che una tonalità di rosa, il Living Coral, possa ben rappresentare il 2019 e il bisogno di leggerezza, ottimismo e ricerca della gioia della nostra società.

Per le sue caratteristiche, il rosa è il colore di Victoria’s Secret.

Verde, se vuoi ispirare pace interiore!

Il verde è il colore della natura, dell’ecosostenibilità e dell’equilibrio. Eco-friendly per eccellenza, il colore verde ispira pace e armonia. Perfetto per esprimere la comunicazione di attività ed imprese vegan, biologiche o con un occhio particolare al benessere.

Attenzione, però: alcune tonalità di verde possono invece esprimere dei collegamenti mentali completamente opposti come il veleno e la gelosia. Se scegli il verde per la tua comunicazione, occhio alla sfumatura e all’abbinamento con gli altri colori!

Il verde è il colore scelto da aziende come Lifegate, NaturaSì e Sturbucks.

Viola: il colore più sofisticato

Il viola è un colore che non ha avuto una vita facile. Associato al lutto e alla sfortuna, in passato, oggi vive una nuova dignità. Il colore viola, infatti, nella comunicazione ispira lusso, preziosità, fascino e indipendenza.

E’ il colore di Milka, Yahoo e Hallmark.

Marrone: quando il colore fa rima con tradizione

Il colore marrone lo associamo alla tradizione e ben si lega ad aziende che si occupano di artigianato. E’ il colore della terra: richiama la sensazione di casa, affetti, calore. Inoltre, il marrone è il colore del caffè, del cioccolato, del cuoio, dei liquori.

Per tutti questi motivi, il marrone ispira maturità e affidabilità, semplicità e serietà.

E’ il colore predominante di aziende come UPS ed M&Ms.

Bianco e nero: minimalismo e purezza

Il bianco è il colore della luce, della pace e della purezza. Viene associato ad attività sanitarie perché dà il senso della pulizia. Il nero, invece, è il colore del lusso e del minimalismo. Esprime autorità ed eleganza.

Entrambi i colori si abbinano bene a tutti gli altri, e vengono spesso utilizzati per rafforzare l’immagine di un’altra tonalità.

E se l’universo dei colori ti affascina, Cromorama di R. Falcinelli per Einaudi Editore è un libro bellissimo su quanto il colore ha influenzato la storia e ci aiuta a filtrare la realtà.

Come comunicare un territorio

In questo periodo sto approfondendo, per motivi di lavoro, il Marketing territoriale. Praticamente, sto studiando un progetto di comunicazione per valorizzare tutte le particolarità di un’area geografica circoscritta: aziende, imprese, tradizioni ed esperienze, legate da un unico filo conduttore, che è appunto il territorio in cui insistono.

Raccontiamo la storia

Di esempi di brandizzazione di un territorio, almeno noi, in Italia, ne abbiamo viste e ne vediamo di tutti i colori. Certo, l’Italia è davvero un Paese straordinario, composito, petaloso oserei dire.

E a questo proposito c’è il TED Talk di Maurizio Robilant che racconta proprio le difficoltà del riunire sotto un comune denominatore tutte le bellezze del nostro Paese. Il TED è qui, se vi va di vederlo. Dura circa 28 minuti, ma li vale tutti!

Dicevo, appunto, che l’intento è quello di riuscire a riunire sotto un unico simbolo una piccola porzione di territorio. Sembrerebbe una cosa facile, ma non lo è. Innanzitutto, perché si tratta di una combinazione complessa, come un’equazione a tanti fattori. Perché la valorizzazione, in questo caso, deve comprendere tanti attori diversi. E la parte più complicata è quella della distribuzione dei ruoli.  In una storia in cui tutti desiderano interpretare la parte di Giulietta, e nessuno desidera vestire i panni della sua Balia, per dire! 🙂

Allo stesso tempo, per scegliere le varie parti, bisogna considerare anche i vari palchi su cui questo progetto andrà in scena. Dal punto di vista turistico, è facile considerare come primedonne le strutture ricettive, le strade e i luoghi, le tradizioni e le esperienze.

Franciacorta: come ti racconto un territorio

Franciacorta è un esempio di come il turismo e il vino vengano portati al centro della scena di pari passo. Già il sito offre una lettura a due chiavi: abbiamo da una parte IL Franciacorta, inteso come il vino, il consorzio e le cantine. E dall’altra parte, invece, c’è LA Franciacorta: il turismo enogastronomico e la strada.

Questo punto di vista duplice, offre la possibilità di considerare il Franciacorta come un progetto completo: occhei, siamo questo vino perché siamo qui. E se non puoi venire a godere delle nostre bellezze e dei nostri sapori proprio qui, allora verremo noi da te.

In questo caso, il prodotto è veramente collegato a doppio filo al territorio, e l’uno porta avanti l’altro. Davvero un bel modo di identificare il territorio, di raccontarne la storia, le tradizioni, i sapori e le particolarità! E di mettere sullo stesso piano ogni attore, a seconda della scena.

Sette regali curiosi e inutili scovati sul web!

Qualche giorno fa, con l’arrivo di un catalogo postale di regali e accessori natalizi, mi è saltata in mente l’idea di dedicare il post che scrivo ogni anno prima del Black Friday agli acquisti per Natale. E, stavolta, ho spinto la mia curiosità verso alcuni oggetti particolarmente curiosi che si possono trovare in rete. Tra tutti quelli che mi hanno  fatto sorridere, ne ho selezionati sette.

Come dice Mary Kondo, il regalo assolve la sua funzione nel momento in cui viene ricevuto, procurando gioia. E sicuramente tutti conosciamo qualcuno che potrebbe divertirsi a ricevere per Natale un regalo che è assolutamente inutile!

Ed ecco qui un elenco dei sette oggetti inutili e curiosi che, a mio avviso, possono far sorridere chi li riceve.

 

Voglia di caramelle?

C’è chi ha l’abitudine di tenere sempre una ciotolina di caramelle sul tavolino o sulla scrivania.  Ecco il regalo giusto per chi ama le caramelle e i giochini da fiera anni Ottanta: il candy grabber! Prova a prendere la caramella manovrando il joystick, hai a disposizione un tempo limitato: proprio come i giochini alle feste di paese! Costa 32,95 €.

regali natale inutili curiosi web socialblog ilsocialblog

Per chi non smette di essere mai bambino

Chi non sogna di ricevere un Babbo Natale volante di 70 cm, da appendere alla finestra, per dare l’illusione che la stia attraversando? Questo addirittura suona e si illumina: il regalo perfetto per le notti in cui sei solo in casa e ti svegli per andare a prendere un bicchiere d’acqua in cucina! Costa poco meno di 60 €.

 

Una partita a golf aiuta la concentrazione

Tutti conoscono quella persona che, quando entra in bagno, si perde e non torna più. Ed ecco come aiutarlo a concentrarsi: il set da golf da bagno. Costa appena 5,90 €, e la confezione contiene anche un cartellino “Do Not Disturb” da appendere all’esterno per avvisare i coinquilini della partita in corso!

 

Dove vai, se la bambolina da cruscotto non ce l’hai?

Ecco un regalo natalizio perfetto per chi ha a cuore la propria automobile: la bambolina dondolante da cruscotto a energia solare. Ne trovi con vari soggetti: da Gesù a Papa Francesco per i più religiosi. Oppure puoi optare per altri personaggi, come Mr Bean, Trump o la Regina Elisabetta! Il costo è poco meno di 7 €.

regali natale inutili curiosi web socialblog ilsocialblog

 

Una tuta modello Unicorno

Chi non ha mai desiderato girare per casa con indosso un pigiama da Unicorno? Un regalo natalizio perfetto per l’amica che sogna una vita come quella dei Trolls, le creature più felici del mondo, tutta brillantini e arcobaleni. Ha anche un prezzo piccolo piccolo, appena 16,95 €!

Per il cucciolo di casa

Anche i gatti hanno diritto al loro bel regalo di Natale, e sicuramente adoreranno l’amaca da radiatore. E’ sicuramente un oggetto curioso, e non so che darei per vederci un bel gattone di mia conoscenza (che probabilmente non riuscirebbe neanche a starci dentro!). Costa intorno ai 17€.

ilsocialblog regali natale web inutili curiosi

Per gli amanti del design

Vuoi mettere una casa completamente arredata a tema natalizio. In tutte le stanze, compreso il bagno. Ecco perché il tuo amico amante del design adorerà ricevere il completo da bagno dedicato a Babbo Natale, con cui vestire a festa anche i suoi sanitari. Il prezzo si aggira sui 7 €.

 

E niente, vi è venuta qualche idea su un regalo originale per il prossimo Natale? Nel frattempo, i consigli dei post degli scorsi anni sono ancora validi. Eccoli qui:

Sei idee regalo per le tue amiche Instagramers

Sette idee regalo da mettere nella lista di Babbo Natale

Tre libri da regalare e da regalarsi: leggere bene per imparare a scrivere bene