Non innamorarti dei tuoi progetti

Un giorno, in un’accademia di Roma, un docente si rivolse al gruppo di creativi in aula affermando “Non innamoratevi dei vostri progetti”.

Ad una delle studentesse sembrava un’eresia: come si fa a non innamorarsi dei propri progetti? Li vedi nascere, crescere, li alimenti di speranze e di entusiasmo, di sogni e di promesse. Anche quando sono ancora su carta, o nella tua mente, ti sembra già di poterli toccare, vivere, mostrare con orgoglio. La ragazza fissò nella mente quella frase come una sfida per gli anni a venire.

Arrivò la fine dell’anno accademico, i primi passi incerti nel mondo del lavoro, gli errori iniziali. E anche i progetti stravolti per assecondare il cliente.

Una storia conosciuta: una telefonata per commissionare un progetto. Dalla prima stesura, la proposta esce tutta imbellettata, sembra una Barbie Ballerina. Poi, iniziano le modifiche. Sposta questo, togli quest’altro. A volte i clienti si impuntano persino su soluzioni che hanno poco o nulla a che fare con l’arte della creazione e della comunicazione. Si cerca di dissuaderli con tutti i mezzi, ma loro rimangono fermi della loro opinione. Nel progetto cambiano così tante cose che, all’ultima stesura, prima della fase operativa, non è più neanche l’ombra di ciò che era il briefing iniziale. E’ stato mutilato, spogliato della sua primitiva essenza.

Non è più Barbie Ballerina, è un mutante.

Che fare a quel punto? Mollare il cliente e il progetto mutante o proseguire fino in fondo?

Un primo passo per capire come agire potrebbe essere quello di comprendere il motivo dell’insoddisfazione, domandandosi se il lavoro è stato fatto mantenendo il giusto distacco ed offrendo al cliente l’attenzione che meritava.

Il mutante è davvero così brutto o le variazioni richieste sono state percepite come un attacco personale alla propria creatività? Il rischio dei creativi è che si innamorino di un ideale al punto da lasciarsi possedere da esso, come Gollum con l’anello.

Ciò che un cliente richiede, quando commissiona un progetto, è un lavoro fatto bene. E lavorare bene non significa vivere una storia d’amore con le proprie idee, ma garantire concretezza, lucidità e impegno durante ogni fase. E anche avere la mente aperta alle novità, accettare i cambiamenti e le opinioni, perché alla fine possono anche dimostrarsi delle scoperte inaspettate.

Non innamorarsi dei progetti significa mettersi al riparo dalle delusioni e dalla frustrazione, avendo l’occasione di confrontarsi ed imparare cose nuove, mettendosi alla prova. Essere elastici e versatili. Avere rispetto del proprio tempo e cercare di ottimizzarlo. E non privarsi della parte più bella di un lavoro creativo: l’entusiasmo della creazione.

L’ex studentessa alla fine capì cosa voleva dire quella frase: che non era “non amare il tuo lavoro”, ma “rispetta te e il tuo cliente”.

E, in casi estremi, impara ad ingoiare i rospi!

Lascia un commento