Dare un valore al tuo lavoro

Quando lavori in proprio, come freelance, la parte più difficile è stabilire il valore economico del tuo lavoro. Devi riuscire a quantificare il tempo che impieghi per un progetto, la capacità di compierlo, gli eventuali errori, gli strumenti di cui disponi, le spese fisse e, in più, il rapporto con la concorrenza.

Insomma, bisogna riuscire a tirare giù una cifra reale, in un contesto di fattori astratti, oggettivi e soggettivi.

Perché ci sono tantissime componenti in gioco, e non ci sono ricette magiche per quantificare il valore del tuo tempo e delle tue capacità. Il problema è che, soprattutto nel caso di attività creative, ci sono delle variabili che non possono essere standardizzate.

A partire dalle spese fisse da sostenere, come tasse, affitti, mezzi pubblici, macchinari, software, corsi di aggiornamento. Alcune sono variabili, altre no. Ad esempio, se tra le spese fisse hai l’affitto di un ufficio, potresti dire che, in uno spazio coworking, ridurresti le spese? Sicuramente una strategia per riuscire ad abbattere costi come questi, è la possibilità di creare un ufficio in casa. Ne abbiamo parlato qui. Ma non tutti sono adatti a farlo. Metti che devi ricevere spesso dei clienti e non hai uno spazio completamente autonomo. Oppure, che a lungo andare non ti togli più il pigiama!

 

Quanto vale l’esperienza?

Se lavori nel settore da tempo, e sei riuscito a costruire una reputazione, hai la possibilità di dare maggiore valore alle tue prestazioni. Ma qui si entra in un campo minato.

Perché c’è differenza tra essere competenti ed essere bravi. 

Bisogna essere obiettivi con se stessi. Si può essere capaci e volenterosi, esperti e competenti. E va benissimo. Oppure si possiede quel pizzico di “genio” che fa brillare qualsiasi idea. E questo è sicuramente qualcosa di cui tenere conto.

 

Quanto tempo ci metti? 

Qui non è questione di bravura. Metti che per scrivere un testo o per preparare una grafica impieghi un’ora, chi ti dice che sia proprio quella la durata equa da quantificare? Che non sei troppo lento o troppo veloce? E qui non c’entra l’esperienza o la competenza professionale. 

 

Scommettere su te stesso: quanto vuoi rischiare? 

Puoi scegliere di alzare il prezzo per poter lavorare meglio, con pochi clienti selezionati. Il rischio, però, è quello di creare aspettative molto alte. E di non riuscire sempre a soddisfarle. Oppure, puoi scegliere di abbassare il prezzo, per poter avere più possibilità. E qui il rischio è, invece, quello di trovarti sobbarcato dal lavoro. Per guadagnare meno di quanto credi.

 

E adesso tira le somme

Insomma,anche quelli che sembrano dati oggettivi, in realtà non lo sono del tutto. Questo perché il lavoro creativo è unico. 

Però, se sei onesto con te stesso e sei consapevole delle tue abilità e dei tuoi limiti, puoi riuscire a tirare giù un costo orario sotto il quale non puoi andare. E poi, se al cliente non sta bene la cifra che hai stabilito, non ti preoccupare: sicuramente, alla fine, se ne occuperà suo cugino! 😉

Il successo (che) conta

Tempo fa ho letto un articolo che parlava della frustrazione che può generare dal confronto. In particolare, mi ha colpita la sincerità con cui venivano espresse quell’insieme di sensazioni ed emozioni che si provano quando, nonostante tu faccia del tuo meglio, non riesci ad ottenere il successo che desideri.

E a volte, per successo, neanche si intende che facciano un documentario di Netflix su di te. No, perché il successo si misura in base agli obiettivi, e magari il tuo obiettivo non è così ambizioso.

Dice Jon Krakauer nel libro Il silenzio del vento: “Quando si è giovani è facile credere che ciò che si desidera sia più o meno quanto si merita; presumere che, se si vuole qualcosa abbastanza intensamente, averlo sia un diritto divino”. E, a un certo punto della vita, misurarsi con le proprie ambizioni, può generare frustrazione. Perché ciò si è desiderato – o si desidera – non sempre corrisponde a quello che si è ottenuto o che si sta perseguendo. Pur inseguendo il proprio obiettivo con desiderio, impegno, dedizione alla causa.

E quindi?

Magari vorresti semplicemente che ti venisse riconosciuto il valore di anni di studio. Che fosse apprezzata sinceramente l’accuratezza con cui lavori. La passione e la pazienza che dedichi a fare tutto per bene.  La professionalità con cui curi i progetti dei clienti, come se fossero tuoi. E invece, tu hai l’impressione che, ogni volta, devi ricominciare dalla presentazione.

Se può esserti utile a non sentirti solo, succede anche a me. E a quanto pare, non siamo gli unici.  Da qui le domande: E’ un fattore ambientale? E’ un fattore caratteriale? E’ sopravvalutazione? Perdo troppo tempo a farmi domande?

E ancora, siamo felici quando otteniamo qualcosa in cui ci siamo impegnati, o quando gli altri ci riconoscono un merito o una capacità?

Insomma, una risposta non ce l’ho. Posso solo dirti quello che ho imparato in questi tredici anni di cadute e di risalite, di lavoro subordinato prima, e lavoro autonomo poi. Di entusiasmo per il lavoro autonomo, di rimpianti per il subordinato. Di clienti trovati, persi, ritornati. Di clienti costanti. Di regole seguite e di regole contravvenute.

Alla fine ciò che ho imparato si riassume in un unico consiglio: non svalutarsi. Neanche davanti agli errori. Imparare la lezione e, come già suggerito, mettere da parte l’esperienza. Le cose si fanno mettendosi alla prova e mettendoci la faccia. Chiedendosi ogni giorno cosa si può fare di più, di meglio, e cercando ogni giorno di imparare.

Magari (ma su questo io devo ancora lavorarci) sentendosi – in fondo, nel proprio cuore – un po’ rockstar!

Diamoci da fare perché i social non siano solo cronaca di brutte notizie

Lo abbiamo visto con gli ultimi fatti di cronaca che hanno caratterizzato le tragedie del terremoto, nella prima settimana del governo Trump e nelle operazioni di salvataggio che hanno coinvolto l’hotel Rigopiano. Lo sperimentiamo ogni giorno sul web, e sui social in particolare: le cattive notizie attirano più attenzione delle buone notizie. 

I canali social, Facebook e Twitter in particolare, sono un luogo in cui le cattive notizie proliferano. Rimbalzano di persona in persona, e così diffondono un clima di apprensione, paura, ansia e provocazione.

Non è che a forza di raccontarci cose brutte, stiamo finendo per credere di essere dentro ad una brutta storia?

La settimana scorsa,  in occasione della festa di San Francesco di Sales, patrono dei giornalisti, Papa Francesco ha promulgato un messaggio dedicato all’informazione sui social media. Il Papa ha sottolineato come stia nascendo l'”abitudine a fissare l’attenzione su cattive notizie (guerre, terrorismo, scandali e fallimenti umani)”. E ha chiesto di “cercare di oltrepassare quel sentimento di malumore e di rassegnazione” che regna in un contesto in cui “vale la logica che una buona notizia non fa presa e dunque non è una notizia“.

Considerare solo i fatti negativi, raccontarli più volte con un’attenzione quasi morbosa verso il particolare sinistro, è come guardare la realtà attraverso un’unica lente: una lente che fissa l’attenzione solo sul brutto, e che, a lungo andare, potrebbe farci credere di essere circondati unicamente da esso. E quindi farsi prendere dallo sconforto, dall’ansia e dalla paura del fallimento.

E così, lasciare che la disinformazione, l’odio e l’insoddisfazione attecchiscano come gramigna.

Nel mondo ci sono tantissimi colori da cui farsi incantare: milioni di sfumature che ci perdiamo per concentrare la nostra attenzione solo sul nero. 

Sarebbe bello cercare di prestare più attenzione alla bellezza e alle notizie positive.

C’è qualcosa che possiamo fare tutti per invertire la rotta: cambiare il nostro modo di soffermarci a raccontare. Che non significa ignorare le cattive notizie. Ma compensarle attraverso la bellezza, la positività, la speranza. Utilizzare, tornando all’esempio di prima, una doppia lente per guardare la realtà, fissando l’attenzione anche su tutti gli altri colori.

Quando viene fatta una segnalazione a buon fine, Facebook dice “Grazie per averci aiutato a rendere Facebook un luogo migliore”. Ecco, cerchiamo di renderlo un luogo migliore anche cercando di portare, nel nostro piccolo angolo virtuale, un sorriso, una buona notizia, un motivo di speranza e fiducia.

Un esercizio quotidiano alla bellezza.

Che inizierà sui social, ma non terminerà sicuramente lì.

Ispirazione: e se non arriva?

Ci sono periodi di grande ispirazione, in cui ti senti veramente creativo, attivo e pieno di idee innovative. E giorni in cui invece la mente non riesce a tirare fuori nulla. E’ come un server che va giù: la creatività sembra esaurita. Uno stato di desertificazione delle idee.

E allora che si fa?

Cerca la serenità. Per lavorare bene, bisogna che intorno a te ci sia un ambiente sereno. Quando sei troppo sotto pressione, oppure ci sono altri problemi a distrarti, non puoi concentrarti sul lavoro. E’ difficile, in questo caso, riuscire ad essere ricettivi verso il mondo esterno e verso nuove idee. Nella tranquillità, sei più disposto a guardare le cose con attenzione, a giocarci e a sviluppare il “pensiero laterale”, che è alla base di una buona ispirazione. Purtroppo, il fattore serenità non dipende al cento per cento da te. Sicuramente, però, ti puoi aiutare con delle pratiche di rilassamento e concentrazione.

Rientra nel concetto di realtà: stare troppo tempo al chiuso, magari davanti a un foglio bianco che non si riempie neanche di scarabocchi, può essere solo controproducente. Sale l’ansia, il tempo scorre e la mente si annebbia ancora di più. Se capisci che in quel momento non c’è proprio nulla da fare, riprendere i contatti con l’esterno può aiutarti a sentirti meglio: uscire, passeggiare, distrarti. Sicuramente, bisogna staccare con i social, internet, i pensieri negativi e le ansie. Riprendi i tuoi spazi nella realtà.

Cambiare argomento. Forse il problema è che non ti interessa ciò di cui ti stai occupando, e quindi la tua mente cerca una via di uscita da qualcosa che la annoia o la preoccupa. Cambiare argomento per un po’ può essere un modo per risvegliare la mente dal torpore e trovare nuovi input. E poi, ritornare al lavoro più concentrati e sereni.

Concediti la possibilità di aspettare. A volte devi concederti il lusso dell’attesa per poter avere la possibilità di migliorarti. Essere pazienti è un atteggiamento attivo per avere l’opportunità di scoprire nuove cose. La natura ci insegna ogni giorno l’arte dell’attesa. Chi sa essere paziente e tollerante, viene poi ricompensato. Senza perdere fiducia: se non oggi, domani un’idea arriverà. Forse non sarà quella della vita, ma è solo questione di tempo!

 

Non innamorarti dei tuoi progetti

Un giorno, in un’accademia di Roma, un docente si rivolse al gruppo di creativi in aula affermando “Non innamoratevi dei vostri progetti”.

Ad una delle studentesse sembrava un’eresia: come si fa a non innamorarsi dei propri progetti? Li vedi nascere, crescere, li alimenti di speranze e di entusiasmo, di sogni e di promesse. Anche quando sono ancora su carta, o nella tua mente, ti sembra già di poterli toccare, vivere, mostrare con orgoglio. La ragazza fissò nella mente quella frase come una sfida per gli anni a venire.

Arrivò la fine dell’anno accademico, i primi passi incerti nel mondo del lavoro, gli errori iniziali. E anche i progetti stravolti per assecondare il cliente.

Una storia conosciuta: una telefonata per commissionare un progetto. Dalla prima stesura, la proposta esce tutta imbellettata, sembra una Barbie Ballerina. Poi, iniziano le modifiche. Sposta questo, togli quest’altro. A volte i clienti si impuntano persino su soluzioni che hanno poco o nulla a che fare con l’arte della creazione e della comunicazione. Si cerca di dissuaderli con tutti i mezzi, ma loro rimangono fermi della loro opinione. Nel progetto cambiano così tante cose che, all’ultima stesura, prima della fase operativa, non è più neanche l’ombra di ciò che era il briefing iniziale. E’ stato mutilato, spogliato della sua primitiva essenza.

Non è più Barbie Ballerina, è un mutante.

Che fare a quel punto? Mollare il cliente e il progetto mutante o proseguire fino in fondo?

Un primo passo per capire come agire potrebbe essere quello di comprendere il motivo dell’insoddisfazione, domandandosi se il lavoro è stato fatto mantenendo il giusto distacco ed offrendo al cliente l’attenzione che meritava.

Il mutante è davvero così brutto o le variazioni richieste sono state percepite come un attacco personale alla propria creatività? Il rischio dei creativi è che si innamorino di un ideale al punto da lasciarsi possedere da esso, come Gollum con l’anello.

Ciò che un cliente richiede, quando commissiona un progetto, è un lavoro fatto bene. E lavorare bene non significa vivere una storia d’amore con le proprie idee, ma garantire concretezza, lucidità e impegno durante ogni fase. E anche avere la mente aperta alle novità, accettare i cambiamenti e le opinioni, perché alla fine possono anche dimostrarsi delle scoperte inaspettate.

Non innamorarsi dei progetti significa mettersi al riparo dalle delusioni e dalla frustrazione, avendo l’occasione di confrontarsi ed imparare cose nuove, mettendosi alla prova. Essere elastici e versatili. Avere rispetto del proprio tempo e cercare di ottimizzarlo. E non privarsi della parte più bella di un lavoro creativo: l’entusiasmo della creazione.

L’ex studentessa alla fine capì cosa voleva dire quella frase: che non era “non amare il tuo lavoro”, ma “rispetta te e il tuo cliente”.

E, in casi estremi, impara ad ingoiare i rospi!

E il fallimento che paura che fa!

Il diavolo non è mai nero come sembra” è la frase che mi ripetono i miei genitori fin da bambina. Perché, ogni volta che sono davanti ad un cambiamento importante, la paura non mi permette di vedere con chiarezza la strada, facendomela immaginare piena di ostacoli insormontabili. Cerco continuamente nuovi stimoli e occasioni ma, quando il treno arriva, ci metto tanto a salire su. Col rischio di vederlo sfilare davanti ai miei occhi, mentre mi sto ancora domandando se la destinazione scelta sia quella giusta. Ho bisogno di una “spintarella” esterna di incoraggiamento.

La paura in natura favorisce la sopravvivenza, aiuta a mantenere i sensi in allerta, ad essere pronti ad agire in caso di bisogno. E’ normale avere paura di fronte ad un cambiamento, anche se l’hai fortemente desiderato: ciò che non conosci può spaventarti, è istintivo e naturale. Purché l’emozione non prenda il sopravvento sulla razionalità e ti impedisca di agire. E, soprattutto, non diventi un alibi per evitare la responsabilità di perseguire un obiettivo.

Quante volte ti dici:  “Non sono pronto”. “Non è ancora tutto perfetto”.

Non è possibile che tutto sia perfetto sin dal principio. Se così fosse, allora significherebbe che il viaggio è già compiuto. Come quando traslochi in una casa nuova: magari ci sono le tende, gli arredi, gli elettrodomestici. Ma è solo vivendoci dentro che scopri di cosa hai realmente bisogno giorno per giorno, e ti adoperi per migliorarne le condizioni. Non devi aspettare il momento giusto: può darsi che non arriverà mai, perché, in realtà, stai solo cercando di non affrontare ciò che ti spaventa.

Una lunga attesa potrebbe fiaccare l’entusiasmo, convincerti che non ne hai le capacità, trasformare la percezione del tuo obiettivo.

E continuare ad alimentare i pensieri negativi.

“E che succede se…”.

Senza sfera di cristallo è difficile poter capire se sarai in grado di raggiungere l’obiettivo che ti sei prefisso. Ma hai un espediente, dalla tua, che ti può permettere di superare il blocco.

Si chiama esperienza.

Essa nasce, cresce e si consolida ogni volta che affronti davvero un “e che succede se…”. Scaturisce da una combinazione di intuito, improvvisazione, errori e competenze, ed è ciò che ti permette ogni giorno di svegliarti diverso, migliorato, più forte.

L’esperienza è fatta anche dal superamento di insuccessi e fallimenti: momenti che in passato ti hanno segnato, sensazioni che non vuoi più provare.

Prova a fare un’analisi delle responsabilità, con obiettività, per correggere il tiro.

Il problema è dipeso completamente da te o anche da fattori esterni? Tutto può essere: pensa che i Beatles, all’inizio della loro carriera, furono silurati dalla casa discografica Decca Records. Se si fossero lasciati scoraggiare dalla bocciatura, magari avrebbero smesso di suonare e non avrebbero donato al mondo la loro incredibile rivoluzione musicale.

E se il fallimento fosse causato anche da te? Si può fare un passo falso, e anche due: può semplicemente succedere. Gli sbagli vanno analizzati, capiti, accettati. E poi considerati un investimento sul futuro, necessario ad  incoraggiare una rinascita e a dare valore all’esperienza.

Sul prossimo treno, porta le tue esperienze con te come un filo di Arianna, ma al contrario: non per indicare il passato, ma per segnare il percorso, mostrarti l’obiettivo e ricordarti ciò che sei.

Comunicare è facile?

E’ davvero facile accedere alla comunicazione, ormai, con tutti i sistemi che abbiamo. Il mondo non è mai stato così interconnesso. Una notizia non fa in tempo a nascere, che immediatamente è on line, frammentata, scomposta, analizzata nel particolare da chiunque abbia accesso a uno smartphone o a un pc.

Eppure pochi si soffermano a pensare che comunicare non è affatto semplice: rendere chiaro e diretto il nostro messaggio richiede sforzo e attenzione perché bisogna scegliere la parola giusta, il momento adatto, l’immagine più appropriata, e far sì che il concetto sia incisivo.

Cosa facciamo quando dobbiamo parlare di qualcosa che ci sta a cuorePrepariamo il discorso più volte davanti allo specchio, scegliamo con cura le parole, soppesiamo i toni, prediligiamo un momento anziché un altro perché sembra “quello giusto”.

Non ci rendiamo conto della fortuna che abbiamo, mai prima d’ora nella storia dell’uomo: la libertà di parola è portata all’estremo. Un pensiero può attraversare il mondo con un “clic”. Se ne fossimo sempre consapevoli, daremmo più valore ad uno straordinario privilegio.

La Comunicazione on line avviene su due livelli.

  1. Il primo, che possiamo definire “esteriore”, serve a catturare l’attenzione dell’utente, ed è la chiave d’ingresso per il livello subordinato.
  2. Il secondo, che custodisce l’essenza del nostro messaggio.

Questo è comunicare bene: scegliere la parola giusta, l’immagine più adatta, il momento opportuno e il mezzo più appropriato per dare reale valore al nostro pensiero.